Published On: Sab, Apr 2nd, 2016

Migliori pesci d’aprile: vince Il Secolo XIX che vende in edicola la carta per fasciarli

secol

E anche quest’anno la gara é stata molto combattuta e tutti i partecipanti hanno dovuto sudare per conquistare un posto nel podio del miglior pesce d’aprile 2016.

In questa edizione a sorpresa il vincitore assoluto Il Secolo XIX che si é presentato in edicola pronto a sbaragliare tutta la concorrenza con il suo formato e la qualitá della carta adatta a impacchettare tutti i pesci che si sono susseguiti nell’arco della giornata. “Visto l’enorme successo proseguiremo nella nostra linea come abbiamo sempre fatto”.

Primo premio anche per la Sampdoria che da oggi finito lo scherzo torna terza in classifica: “Lo avevamo preparato da tempo facendo credere ai nostri tifosi di essere in una posizione di classifica diversa da quella che occupiamo” ha confermato la societá con una nota “Vogliamo ringraziare anche tutti i nostri tifosi che sono stati al gioco, ma da oggi torniamo a essere seri e a giocare per la conquista di un posto nell’Europa che conta”.

Contento anche Montella: “Ho fatto una faticaccia fino ad oggi dire ai miei ragazzi di fingere di giocare superficialmente e di non impegnarsi per la riuscita dello scherzo, ma il presidente ci teneva tanto, lo abbiamo fatto per lui”.

Premio ad honorem per il miglior pesce d’aprile dell’ultimo millennio al progetto di Enrico Preziosi che da oltre un decennio detiene il primato irraggiungibile da tutti nonostante tutti gli sforzi per cercare almeno di avvicinarsi.

Fuori concorso l’attacco di Eto’o nei confronti della societá blucerchiata che per impegni presi in precedenza non é riuscito a completare lo scherzo in tempo utile per essere giudicato “Sará per il prossimo anno” ha fatto sapere il camerunense “ma é stato comunque un piacere giocare di nuovo con la Sampdoria”.

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Shares

Migliori pesci d’aprile: vince Il Secolo XIX che vende in edicola la carta per fasciarli

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia